Che cosa significa un aumento degli enzimi epatici in un esame del sangue?

Che cos'è un esame del fegato?

Un termine più corretto è "esami del fegato". Questo è un esame del sangue, che include diversi indicatori che caratterizzano meglio le condizioni del fegato. Per una valutazione accurata di questi indicatori, il sangue di una vena deve essere somministrato a stomaco vuoto, ovvero l'ultima volta che si può mangiare 8-10 ore prima del test e bere - non oltre 4 ore. Il giorno prima di andare in laboratorio, non puoi mangiare grassi, fritti, prendere alcolici, se, naturalmente, vuoi conoscere i risultati "veri".

Quali indicatori include il test del fegato? Cosa vogliono dire?

L'analisi include diversi indicatori. It:

  1. Albume. Caratterizza come il fegato affronta una delle sue funzioni: la sintesi proteica. La norma dell'albumina è di 38-50 g / l. Questa stessa proteina è necessaria per non "liberare" la parte liquida del sangue dai vasi sanguigni, legare molte sostanze, compresi i farmaci, e portarle a organi e tessuti.
  2. Bilirubina. Questa è una sostanza che si forma a seguito della rottura dell'emoglobina. È il suo eccesso che colora la pelle di giallo, che si chiama "ittero". La bilirubina è comune e ha 2 frazioni: diretta e indiretta. Ognuno di essi mostra determinati processi nel fegato e altri organi. Ciò consente al medico in base alla loro valutazione di suggerire che si è verificata una violazione nel corpo stesso del fegato, del pancreas e dei dotti biliari o che vi è un aumento della scomposizione dei globuli rossi che non è associato al sistema epatobiliare. Il test epatico ha i seguenti standard per la bilirubina: totale - 3,5 - 18 μmol / l, indiretto - circa 2/3 della quantità totale (2,5-13,5 μmol / l), diretto - 0 - 3,4.
  3. ALT, può anche essere indicato con ALAT. Questo è l'enzima alanina aminotransferasi, un aumento di cui sopra 31 UI / l (o sopra 0,65 nmol / l * h) suggerisce che per qualche motivo le cellule del fegato vengono distrutte. Può trattarsi di epatite virale, cirrosi epatica e danni al fegato dovuti ad avvelenamento da funghi, altri veleni, alcol. Di solito ALT viene valutato in congiunzione con un altro enzima - AST.

a) fosfatasi alcalina. Un test epatico elevato insieme ad un aumento di questo indicatore (si chiama "fosfatasi alcalina") indica la cosiddetta "colestasi" - ristagno della bile nelle cellule del fegato o nei suoi dotti. Un aumento della sola fosfatasi alcalina indica che la persona molto probabilmente ha una malattia ossea, è necessario un ulteriore esame. La norma di questo indicatore varia a seconda del sesso e dell'età (in media, 30-126 PEZZI / l).

b) GGTP o GGT. Questo test epatico (la norma arriva fino a 40 PEZZI / L), il suo aumento (il limite superiore varia a seconda dell'età e del sesso) di solito indica colestasi, ma può anche essere notato con altre malattie e situazioni.

Pertanto, l'intero complesso di esami del fegato deve essere valutato. A volte è necessario sottoporsi a ulteriori test e sottoporsi a ultrasuoni e altri studi per comprendere la causa della malattia.

Che cos'è un esame del fegato

Per indicatori del fegato o altro, per campioni si intende uno studio biochimico del sangue prelevato da una vena, il cui scopo principale è quello di ottenere la conclusione più accurata sul funzionamento del fegato.

Lo studio ci consente di valutare il grado di violazione di alcune funzioni della ghiandola, il livello di proteine ​​ed enzimi, la loro concentrazione. Sulla base dell'analisi, è possibile prescrivere altre procedure diagnostiche, dopo di che viene selezionato un piano di trattamento individuale per il paziente.

Significativo quando si stabilisce una diagnosi di esami del fegato includono:

  • ALT e AST. Questi sono enzimi, il primo sta per alanina aminotransferasi, il secondo sta per aspartato aminotransferasi;
  • gammaglutamina transpeptidasi (GTP);
  • albumina (proteine ​​totali, nonché dirette e indirette);
  • fosfatasi alcalina (fosfatasi alcalina);
  • bilirubina.

Inoltre, può essere prescritto un coagulogramma: una valutazione dei componenti della coagulazione del sangue.

Le analisi epatiche mostrano cambiamenti non solo nel funzionamento del fegato, ma aiutano anche a stabilire deviazioni nel lavoro degli organi ghiandolari - la cistifellea e i suoi dotti, cuore, reni.

Consigli per aumentare ALT

Quando i parametri biochimici del sangue si discostano dai valori normali, viene condotto uno studio aggiuntivo per stabilire la causa esatta, l'organo interessato e la gravità della malattia. Lo schema del corso terapeutico è causato da un problema specifico nel paziente.

In caso di danno epatico, gli epatoprotettori sono sempre prescritti - Essential Forte, Heptral, Karsil - proteggono le cellule del fegato, prevengono la distruzione, accelerano i processi rigenerativi, ripristinano la funzione degli organi.

Ulteriori raccomandazioni includono la dieta, il rifiuto delle cattive abitudini - alcol, fumo. Solo nel complesso è possibile ripristinare le cellule del fegato, la funzione degli organi può essere normalizzata.

I principali parametri biochimici del fegato

Gli indicatori di campioni per la malattia del fegato, che sono cruciali nella diagnosi dei cambiamenti nel fegato, includono:

  1. L'enzima ALT. Contenuto in cellule epatocitiche. Attiva il metabolismo proteico, con decadimento patologico delle cellule del parenchima epatico, entra in una quantità maggiore nel sangue.
  2. L'enzima AST. Si trova non solo negli epatociti, ma anche nelle fibre muscolari e nei tessuti cardiaci. Pertanto, l'istituzione della sua concentrazione è importante solo in relazione all'ALT, questo indicatore determina più accuratamente il grado di danno agli epatociti.
  3. Fosfatasi alcalina. Si trova nel fegato e nei suoi dotti ed è presente nel tessuto osseo. La deviazione in una direzione o nell'altra può indicare sia la patologia della ghiandola che il deterioramento delle condizioni delle ossa, compresi i processi tumorali. Nei bambini, la fosfatasi alcalina senza disturbi patologici nel corpo aumenta durante il periodo di rapida crescita e nelle donne dopo la gravidanza.
  4. Albume. La principale proteina prodotta nel fegato. Con il suo aiuto, le sostanze biologicamente attive vengono trasferite in tutto il corpo e il fluido viene trattenuto all'interno dei vasi sanguigni.
  5. Bilirubina. In bilirubina totale si riferisce al rapporto tra diretto e indiretto. Nelle cellule del fegato, la bilirubina indiretta viene neutralizzata e trasformata in diretta, che è considerata innocua per il corpo, dopo di che viene escreta naturalmente. Un aumento della bilirubina indiretta è possibile con malattie del sangue e con una violazione della funzione di filtraggio della ghiandola. La bilirubina diretta aumenta quando il deflusso biliare peggiora.
  6. Gammaglutamintranspeptidase. A causa di questo enzima, gli aminoacidi penetrano senza ostacoli attraverso la membrana cellulare. La GTPP cambia spesso anche prima che compaiano deviazioni nel rapporto tra ALT e AST, quindi questo indicatore è molto importante per la diagnosi di disturbi nel fegato nelle primissime fasi del loro verificarsi.

Tattiche di gestione del paziente

Nel determinare gli enzimi epatici elevati, il medico prescrive una serie di esami aggiuntivi per chiarire le condizioni del paziente. Immediatamente, lo specialista raccomanda al paziente di iniziare il trattamento con una correzione della dieta. L'obiettivo è ridurre il carico sul fegato, ridurre il livello di grasso corporeo al suo interno, rimuovere le tossine e le tossine.

È importante aumentare la quantità di verdure che entrano nel corpo. Particolarmente utili sono spinaci, cavoli, verdure, lattuga, denti di leone. È inoltre necessario aumentare la quantità di alimenti consumati, che includono antiossidanti (avocado, noci).

Il menu giornaliero dovrebbe contenere almeno 50 g di fibre alimentari, in particolare fibre. Tali sostanze purificano il corpo dal colesterolo "cattivo" e contribuiscono alla normalizzazione del sistema biliare. Alimenti ricchi di fibre:

Il trattamento prevede l'assunzione di una quantità sufficiente di proteine, poiché sono le sostanze proteiche che sono considerate la base necessaria per il ripristino degli epatociti danneggiati. Tuttavia, quanto dovrebbe essere presente nella dieta quotidiana, il medico dirà. È importante non consumare troppo per non sovraccaricare il meccanismo epatico per l'elaborazione delle proteine.

Bevi molta acqua pulita. Ogni giorno è necessario bere fino a 2 litri di liquido: a stomaco vuoto, prima di ogni pasto, prima e dopo l'attività fisica, prima di riposare la sera.

Erbe e integratori alimentari

La medicina di erbe influenza favorevolmente le condizioni del fegato e consente di ridurre i parametri patologici degli enzimi. Il trattamento consiste nell'uso di tè a base di ingredienti a base di erbe. È importante consultare il proprio medico circa la possibilità di tali eventi..

Componenti utili dell'impianto:

La curcuma, che riduce le manifestazioni dei processi infiammatori, e l'aglio, che ha un effetto antitumorale, devono essere aggiunti al cibo. Secondo l'autorizzazione del medico, è possibile utilizzare integratori alimentari ricchi di antiossidanti..

Trattamento delle malattie

Se durante la diagnosi viene trovato un processo patologico, che era la ragione dell'aumento degli enzimi epatici, deve essere trattato. Uno specialista qualificato selezionerà il regime di trattamento per il paziente in base al caso clinico specifico.

Gli enzimi epatici svolgono un ruolo significativo in numerosi processi nel corpo umano. Il loro valore diagnostico è la capacità di rilevare patologie e condizioni patologiche nelle prime fasi.

Articolo precedente: Quali indicatori di un esame del sangue biochimico indicano malattie del fegato Articolo successivo: Eruzione cutanea, acne e prurito della pelle nelle malattie del fegato

Analisi

La norma degli esami del fegato e l'interpretazione dell'analisi dipendono in gran parte dalla corretta preparazione per il prelievo di sangue. Include:

  1. Donazione di sangue a stomaco vuoto. Il sangue viene solitamente prelevato al mattino, quindi puoi mangiare solo la sera prima, entro e non oltre 8 ore.
  2. Tre giorni prima dell'assunzione del biomateriale, l'alcool dovrebbe essere escluso, in questi giorni non è anche consigliabile mangiare cibi troppo grassi, bere caffè e tè forti.
  3. Per tre ore prima di fare il test, non dovresti fumare e dedicarti al lavoro fisico, inclusa ginnastica mattutina, jogging.

Se il paziente sta assumendo farmaci, dovrebbe informarne il medico in anticipo. Se il medico lo ritiene necessario, l'assunzione di farmaci alla vigilia dello studio deve essere temporaneamente interrotta.

La preparazione dei bambini all'analisi viene eseguita proprio come gli adulti. L'unica eccezione sono i neonati, si consiglia di dar loro da mangiare entro e non oltre tre ore prima dello studio, ma il medico dovrebbe sapere che il bambino ha mangiato.

Se il bambino riceve il latte materno, la madre deve modificare la sua dieta e interrompere l'assunzione di farmaci per 1-2 giorni prima dell'analisi.

Il prelievo di sangue per esami del fegato viene effettuato dalla vena cubitale. Per determinare l'emocromo, non sono necessari più di 5 ml di biomateriale. Dopo aver preso il sangue, non è necessario osservare alcuna restrizione. Ma bisogna tenere presente che i pazienti debilitati possono avere vertigini temporanee, quindi dopo la procedura si dovrebbe trascorrere del tempo sotto la supervisione di un operatore sanitario.

Nei neonati, il sangue può essere prelevato dalle vene sulla testa o dal tallone.

Formazione


Prima dell'analisi, si consiglia di mangiare solo alimenti sani facilmente digeribili..
Prima di donare il sangue per esami del fegato funzionali, devi rifiutare di mangiare piatti fritti, grassi e piccanti per diversi giorni. Si raccomanda inoltre di escludere alcol e fumo. La dieta eliminerà la distorsione dei risultati. Non puoi fare esercizio fisico pesante ed è importante evitare situazioni stressanti. Immediatamente 8 ore prima dell'analisi, si dovrebbe rifiutare di mangiare cibo e non assumere medicine. Alla vigilia non dovresti bere tè o caffè forti. Se queste regole di preparazione non vengono seguite, lo studio mostrerà il risultato sbagliato..

Decifrare l'analisi degli esami del fegato negli adulti

Decifrare la tabella della norma di un esame del sangue per il fegato negli adulti

Indicatore di ricerca biochimicaNorma nelle donneNorma negli uomini
ALT31 u / l37 u / l
AST35 unità per litro47 unità
gtp33 unità / l49 u / l
Bilirubina totale8,5-20,5 μmol / L
Bilirubina diretta15,4 μmol / L
Proteine ​​comuniDa 60 a 80 grammi per litro
AlbumeNel range del 40-60 percento

Si noti che nei laboratori vengono utilizzati analizzatori diversi, pertanto gli indicatori possono variare leggermente..

  • Bilirubina. L'aumento della bilirubina diretta e indiretta indica epatite acuta o cronica, processi patologici nel sistema biliare, avvelenamento o sovradosaggio di farmaci. La bilirubina nel sangue aumenta e con diete rigorose.
  • AST. Un aumento di questo enzima si verifica con la morte del tessuto epatico, con epatite virale e con violazioni del miocardio. Il rapporto tra AST e ALT aiuta a stabilire quale degli organi è danneggiato, normalmente dovrebbe essere compreso nell'intervallo 0,8-1. Se questo coefficiente viene ridotto, ciò indica un danno epatico, con un valore aumentato, è necessario eseguire un esame esteso per le malattie del sistema cardiovascolare.
  • ALT. Un aumento del valore di questo enzima è possibile con epatite, cirrosi, necrosi del tessuto epatico, intossicazione del corpo, incluso l'alcol.
  • Fosfatasi alcalina. La fosfatasi alcalina aumenta con sarcoidosi, necrosi epatica, tubercolosi, ittero. L'aumento fisiologico della fosfatasi nelle donne si verifica in menopausa e dopo il concepimento.
  • Albume. Diminuisce con processi maligni, infiammazione del fegato e rottura degli epatociti. L'albumina aumenta durante la disidratazione, in gravi situazioni stressanti, in pazienti con lesioni, ustioni.
  • Gammaglutamintranspeptidase. La norma delle unità GTTP e quanto il valore devia in una direzione o nell'altra è uno degli indicatori più importanti nell'analisi biochimica. La deviazione della gamma-glutamintranspeptidasi si verifica nella fase iniziale della compromissione renale. Il cambiamento indica processi infettivi, malattie del tratto digestivo, danni agli organi tossici, diabete, patologia cardiovascolare.

Quali sono le cause della deviazione dalla norma?

Se l'analisi per gli esami del fegato ha mostrato valori elevati, ciò significa che nel paziente sono presenti le seguenti condizioni patologiche:


Gli alimenti grassi ad alto contenuto calorico provocano lo sviluppo dell'epatosi grassa.

  • Epatite virale;
  • colestasi;
  • colelitiasi;
  • invasione elmintica;
  • malnutrizione;
  • consumo eccessivo di alcol;
  • trombosi vascolare;
  • lesioni aterosclerotiche delle arterie degli organi;
  • diabete;
  • mancanza di vitamine e proteine ​​nella dieta;
  • fatica
  • gravidanza;
  • dieta ristretta per animali;
  • obesità;
  • assunzione di farmaci;
  • lesioni.

Qual è l'analisi degli esami del fegato

Il fegato svolge un ruolo importante nel corpo umano, partecipa a molti processi biochimici, quindi, in violazione della sua funzionalità, soffrono altri organi e sistemi. Se c'è il sospetto di anomalie nel funzionamento del fegato o di una malattia d'organo già presente, è importante valutare il suo lavoro usando test speciali chiamati test epatici..

I test epatici sono un test diagnostico importante, che consente di determinare le deviazioni nel lavoro del corpo già nelle fasi iniziali della malattia. La procedura può essere eseguita da adulti, bambini e donne in gravidanza. Affinché i risultati siano il più informativi possibile, è importante sapere quando effettuare un'analisi, come prepararsi per l'esame, quali sono le norme e le deviazioni degli indicatori quando si ricevono i risultati.

Quali sono gli esami del fegato

Esami epatici: un esame del sangue di laboratorio che consente di valutare le funzioni di base del fegato. I risultati biochimici dell'esame possono diagnosticare malattie del fegato o seguire la dinamica della patologia durante il trattamento con prodotti farmaceutici.

Un esame del sangue per gli esami del fegato analizza il lavoro del corpo, ma se ci sono deviazioni, non è la base per una diagnosi finale. In questo caso, il medico può prescrivere una nuova analisi, nonché ulteriori metodi diagnostici che possono determinare con precisione la causa, fare la diagnosi corretta con il successivo appuntamento della terapia terapeutica. Dalla concentrazione dei componenti del sangue prelevato, vengono valutati alcuni parametri, ognuno dei quali è responsabile delle funzioni dell'organo.

Quando si eseguono esami del fegato, vengono valutati i seguenti indicatori:

  • AST - valuta l'attività degli enzimi epatici;
  • ALT: determina la concentrazione di enzimi epatici;
  • GGT - determina se ci sono processi infiammatori nel fegato;
  • fosfatasi alcalina - un parametro che consente di rilevare un'infezione infettiva di un organo;
  • proteina totale - determina l'infiammazione del parenchima e dei dotti biliari;
  • livello di bilirubina: stima la quantità e la funzione degli enzimi epatici.

Se i risultati degli esami del fegato sono aumentati o diminuiti di diverse unità, ciò può indicare un malfunzionamento del fegato o del sistema biliare.

Quando è necessario donare sangue per esami del fegato

I test epatici sono metodi diagnostici standard per il sospetto sviluppo di patologie epatiche. Il medico scrive la direzione per l'analisi alla consultazione iniziale, dopo aver raccolto una storia e un esame visivo del paziente. I seguenti sintomi possono essere un'indicazione per la nomina di un esame del sangue biochimico:

  • giallo della pelle e della sclera;
  • una sensazione di pesantezza o dolore nell'ipocondrio destro;
  • amarezza in bocca;
  • nausea, vomito dopo aver mangiato;
  • aumento periodico della temperatura corporea.

La presenza di questi sintomi può essere un segno di grave malattia del fegato o della cistifellea. Esistono numerose malattie in cui vengono prescritti esami del fegato:

  • epatite A, B, C;
  • cirrosi epatica;
  • malattia del fegato grasso;
  • malattie del sistema endocrino;
  • obesità;
  • sindrome dispeptica;
  • discinesia biliare;
  • colecistite;
  • uso a lungo termine di potenti farmaci;
  • alcolismo cronico;
  • danno alle cellule del fegato da invasioni elmintiche.

L'elenco delle malattie in cui è possibile prescrivere esami del fegato è piuttosto ampio, ma grazie alla combinazione di marcatori, questa analisi consente di determinare il grado di danno alle cellule del fegato, identificare malfunzionamenti nella capacità sintetica ed escretoria dell'organo e valutare le condizioni della cistifellea e dei suoi dotti.

Come prepararsi per l'analisi

Per ottenere analisi affidabili degli esami del fegato, è importante prepararsi adeguatamente per gli esami. Per fare ciò, è necessario seguire alcune regole:

  • escludere l'uso di cibi piccanti, grassi e fritti da 2 a 3 giorni prima della donazione di sangue;
  • smettere di fumare e fumare;
  • il giorno prima dell'analisi, non bere caffè e altre bevande forti e troppo dolci;
  • Puoi prendere il cibo entro e non oltre 10 ore prima di andare in laboratorio;
  • escludere un intenso lavoro fisico o stress mentale alla vigilia;
  • se è possibile 2 giorni prima dell'analisi, è necessario rifiutare di assumere qualsiasi farmaco.

Per determinare i marcatori epatici, viene campionato il sangue venoso, prelevato dalla vena dell'articolazione del gomito. Dopo il campionamento, il biomateriale viene inviato a un laboratorio per studiare gli enzimi epatici. Utilizzando apparecchiature moderne, vengono studiati gli indicatori, vengono registrati la norma e le deviazioni in misura minore o maggiore.

Informazioni sullo sviluppo della patologia possono parlare non solo di un aumento, ma anche di una riduzione degli indicatori di sostanze organiche nel siero, quindi solo un medico qualificato sarà in grado di valutare i risultati dell'esame.

Se il paziente ignora le raccomandazioni per la preparazione dell'analisi, esiste un rischio elevato di falsare i risultati. Pertanto, se una persona non ha rispettato le regole di preparazione o ha assunto farmaci alla vigilia della procedura, il medico dovrebbe essere informato di questo.

I seguenti fattori possono influenzare i falsi risultati dei test di funzionalità epatica:

  • prendendo antibiotici, ormoni o antidepressivi;
  • stress, attività fisica;
  • consumo di alcool;
  • sovrappeso;
  • schiacciamento eccessivo di una vena con un laccio emostatico durante il prelievo di sangue;
  • cibi piccanti, grassi o fritti.

Un'analisi deve essere presa al mattino a stomaco vuoto, puoi bere solo acqua in una piccola quantità. I valori di riferimento differiscono e dipendono direttamente dal genere e, nei bambini e nelle donne in gravidanza, gli indicatori differiscono in modo significativo. Con un'adeguata preparazione, i risultati dell'analisi saranno il più informativi possibile, consentiranno al medico di valutare le condizioni del fegato, confermare o escludere possibili malattie.

Norme degli esami del fegato

Per una persona sana adulta, esiste un indice standard di esami del fegato, che sono la norma e indicano l'assenza di disturbi nel lavoro del corpo. Nel caso in cui gli indicatori si discostino dalla norma in misura maggiore o minore, il medico può prescrivere una nuova analisi o metodi diagnostici aggiuntivi. Se parliamo della norma dei marcatori epatici, nella decodifica puoi vedere i seguenti risultati in donne e uomini:

indicatoriDonneUomini
ASTfino a 31 unità / lfino a 47 unità / l
ALTfino a 31 unità / lfino a 37 unità / l
GGTfino a 32 unità / lfino a 49 unità / l
Bilirubina comune8,5 - 20,5 μmol / L8,5 - 20,5 μmol / L
Bilirubina direttafino a 15,4 μmol / lfino a 15,4 μmol / l
Bilirubina indirettafino a 4,6 μmol / lfino a 4,6 μmol / l
Proteine ​​totali60 - 80 g / l60 - 80 g / l
Albume40-60%40-60%

Tutti questi indicatori con deviazioni minori non sono motivo di preoccupazione, ma se la differenza è di diverse unità, il medico prescriverà una nuova analisi o ulteriori test..

Decrittazione dei risultati dell'analisi

È possibile ottenere una trascrizione dei campioni di fegato entro 1-2 giorni dopo l'analisi. I risultati dell'analisi sono visti dal paziente o dal medico curante, poiché tutto dipende dalla clinica e dal laboratorio. In ogni caso, solo un medico professionista può decifrare i risultati. Al fine di comprendere le deviazioni e le possibili anomalie nel fegato, è possibile prestare attenzione alle seguenti informazioni e confrontarle con i risultati:

  • L'ALT (alanina aminotransferasi) è un enzima epatico. Se gli indicatori vengono superati di 50 volte, possiamo parlare di danno epatico, sviluppo di epatite, distruzione cellulare a causa della cirrosi.
  • AST (aspartato aminotransferasi) - un'alta concentrazione nel sangue è un segno di cirrosi, grave infiammazione o malattie cardiache.
  • GTT (gamma-glutamiltransferasi) - eccesso dalla norma, segno di epatite, danno epatico tossico, colestasi.
  • Bilirubina: si forma durante la rottura dei globuli rossi e il suo aumento dei risultati indica insufficienza epatica, blocco dei dotti biliari o disfunzione della cistifellea. Puoi anche notare una maggiore concentrazione di bilirubina nel corpo colorando la pelle o la sclera degli occhi con una tinta gialla.
  • Proteina totale - è un segno di processi infiammatori nel tessuto epatico.
  • L'albumina è una proteina di trasporto che è coinvolta nella produzione di bilirubina. Le possibili malattie non sono indicate da un aumento del plasma sanguigno, ma da una diminuzione. Può essere un segno di neoplasie, patologie reumatiche o reazioni infiammatorie. Se gli indicatori sono aumentati, questo è un chiaro segno di una carenza di liquidi nel corpo con diarrea, avvelenamento o interruzione prolungata del calore.
  • ALP (fosfatasi alcalina) - Un livello elevato di questo enzima è presente negli adolescenti e nelle donne in gravidanza. Se la storia di una persona ha un tumore maligno, metastasi o epatite grave, gli indicatori di decifrazione aumenteranno rapidamente e fortemente. Diminuzione dei livelli di enzimi può essere un segno di anemia..

Per un quadro clinico completo, una valutazione completa del fegato, il medico a volte prescrive un'analisi aggiuntiva: un test del timolo, che viene eseguito con l'aggiunta di timolo al biomateriale. L'obiettivo principale dell'analisi è precipitare le proteine ​​isolate. Con l'appannamento del siero del sangue, possiamo parlare di un risultato positivo. Con indicatori superiori a 5 unità, esiste un alto rischio di epatite, cirrosi.

I risultati dell'esame dei campioni di fegato non sono la base per fare una diagnosi finale, quindi, se superato, il medico prescriverà ulteriori diagnosi di laboratorio e strumentali. Una diagnosi specifica può essere confermata mediante ultrasuoni, biochimica del sangue dettagliata, analisi delle urine, risonanza magnetica o biopsia.

Norma per i bambini

Nei bambini, i normali test di funzionalità epatica differiscono dai valori di riferimento negli adulti. Il prelievo di sangue nei neonati viene effettuato dal tallone e, nei bambini più grandi, dalla vena ulnare. La preparazione per l'analisi è simile agli adulti, ma se il prelievo di sangue viene eseguito nei neonati, l'alimentazione 8 ore prima dell'analisi non è controindicata. Tuttavia, i genitori devono informare il proprio medico di recente allattamento al seno o formula artificiale..

I seguenti risultati sono considerati normali esami del fegato nei bambini.

ALT - unità di misura per litro di sangue:

  • neonati fino a 5 giorni di vita - fino a 49;
  • fino a 6 mesi - 56;
  • da 6 mesi a 1 anno - 54;
  • 1-3 anni - 33;
  • 3-6 anni - 29;
  • 12 anni - 39.
  • neonati fino a 6 settimane - 22-70;
  • fino a 1 anno - 15-60;
  • bambini e adolescenti di età inferiore ai 15 anni - 6-40.
  • fino a 6 settimane di vita - 20-200;
  • fino a 1 anno - 6-60;
  • da 1 anno a 15 anni - 6-23.

Fosfatasi alcalina (ALP):

  • neonati - 70-370;
  • bambini del primo anno di vita - 80-470;
  • 1-15 anni - 65-360;
  • 10-15 anni - 80-440.

Bilirubina nel sangue:

  • neonati - 17-68 μmol / l,
  • bambini da un anno a 14 anni - 3,4-20,7 micromol / l.

Se viene superata la norma di uno qualsiasi dei marker degli esami del fegato, ci sono rischi di sviluppare patologie del fegato, del tratto biliare e del sistema cardiovascolare. Inoltre, alcuni indicatori possono essere un segno di disturbi metabolici, patologie del sangue o del pancreas. In ogni caso, il bambino avrà bisogno di ulteriori ricerche complete.

Test epatici durante la gravidanza

Durante la gravidanza, la consegna dei campioni di fegato dovrebbe essere un'analisi di laboratorio obbligatoria, poiché è durante questo periodo che il corpo della donna è soggetto a vari stress, si verificano cambiamenti ormonali, che possono comportare un'anomalia funzionale o patologica.

Nel primo trimestre di gravidanza, i livelli di bilirubina aumentano nel sangue di una donna, entro 3 mesi torna alla normalità. È durante questo periodo che le malattie croniche del fegato o della cistifellea possono peggiorare.

Anche gli indicatori di altri enzimi stanno cambiando. Ad esempio, all'inizio della gravidanza, la concentrazione di ALT diminuisce e ritorna normale solo prima del parto. Il livello di AST e GGT nel primo trimestre diminuisce e si normalizza solo alla fine del secondo trimestre di gravidanza.

Gli indicatori di tutti gli enzimi durante la gravidanza sono ridotti di diverse unità, il che è normale, ma se il loro livello scende rapidamente o aumenta, questo può essere un sintomo allarmante di molte malattie del fegato e di altri organi interni che minacciano la vita del feto e della donna stessa.

Riassumere

I test epatici sono parte integrante della diagnosi completa delle malattie del fegato e del sistema biliare. Un'analisi è prescritta solo da un medico rigorosamente secondo le indicazioni. Affinché i risultati dell'analisi siano il più informativi possibile, è necessario seguire tutte le raccomandazioni del medico.

Un'analisi dei campioni di fegato rivelerà i minimi disturbi nel fegato già nelle fasi iniziali, quindi non devi esitare a visitare un medico ai primi sintomi. Prima viene diagnosticata la malattia, maggiori sono le possibilità di una guarigione riuscita..

Ti offriamo la visione del video "Test del fegato - Dr. Komarovsky".

Cosa possono indicare i risultati degli esami del fegato?

Molte persone hanno familiarità con la sensazione di pesantezza nell'ipocondrio destro, frequente nausea, un retrogusto sgradevole in bocca. E, dopo aver trovato le informazioni necessarie su Internet, vanno con fiducia in farmacia per un po 'di medicina per il fegato, aggirando l'ufficio del medico. Ma invano... Per determinare il corso del trattamento, è necessaria una diagnosi accurata, che solo uno specialista qualificato può determinare. Un ruolo indispensabile nella diagnosi è la conduzione di un esame del sangue biochimico, i cosiddetti test del fegato.

Quali sono gli esami del fegato

I test epatici sono esami del sangue di laboratorio che determinano i suoi parametri biochimici, grazie ai quali è possibile fornire una valutazione obiettiva delle funzioni di base del fegato. Fegato - "laboratorio di organi", che fornisce il flusso di centinaia di reazioni chimiche nel corpo umano.

Passa attraverso se stessa tutto ciò che una persona mangia, beve, che respira; scompone tutte le sostanze nocive fornite con alcol, droghe, sostanze chimiche; produce i componenti necessari per combattere le infezioni.

Ogni cellula epatica è chiusa dal flusso sanguigno da una membrana, pertanto è estremamente difficile determinarne le condizioni, l'efficacia e la correttezza delle reazioni che vi si svolgono. Solo in presenza di processi patologici nel corpo, gli enzimi epatici compaiono nel sangue, che normalmente dovrebbe essere presente solo nelle sue cellule.

Pertanto, gli esami del fegato sono un modo per determinare le condizioni del fegato, identificare la sua patologia e monitorare il corso del trattamento con farmaci (in particolare, la comparsa di cambiamenti indesiderati nel corpo), che possono avere un effetto tossico sull'uomo.

Indicatori biochimici chiave

Un esame del sangue biochimico consente di quantificare il livello di alcuni enzimi e la concentrazione di importanti composti nel sangue. Il grado di deviazione dalla norma indicherà quanto sono danneggiate le cellule del fegato e qual è lo stato delle funzioni sintetiche ed escretorie dell'organo.

L'analisi complessa standard per gli esami del fegato comprende sei indicatori principali:

  • Aspartate aminotransferase (AST): questo è un enzima che può entrare nel flusso sanguigno quando le cellule del fegato vengono distrutte. Il loro aspetto può anche indicare malattie cardiache..
  • Alanina aminotransferasi (ALT): un enzima che viene prodotto nel fegato; la sua presenza nel sangue in piccole quantità è considerata normale.
  • Fosfatasi alcalina (ALP): questo enzima è coinvolto nel trasferimento del fosforo. Il suo moderato aumento è accettabile durante la gravidanza o durante la menopausa..
  • Gamma-glutamiltransferasi (GGT): un enzima la cui presenza nel sangue indica la presenza completa di malattia epatica.
  • La bilirubina è uno dei componenti della bile che si forma durante la rottura dell'emoglobina. Il suo aumento può indicare una serie di malattie del fegato e del tratto biliare.
  • Proteine: una diminuzione del suo livello accompagna la malattia epatica cronica, si osserva un aumento durante lo sforzo fisico, la disidratazione.

Cosa può rivelare una volta nominato

La conduzione di test epatici viene eseguita per valutare l'attività funzionale del fegato e le deviazioni causate dalle sue gravi condizioni patologiche (cirrosi, epatosi, obesità, epatite, parassitosi e varie patologie del tratto biliare e della cistifellea).

Eventuali processi patologici nel fegato e nelle vie biliari sono accompagnati dallo sviluppo di sintomi clinici: il paziente può lamentare dolore o sensazione di pesantezza nell'ipocondrio destro, un gusto amaro o metallico in bocca, frequente nausea, debolezza costante, affaticamento, perdita di appetito.

Può rabbrividire (un aumento sistematico della temperatura corporea), la pelle può acquisire una tinta giallastra, spesso ingiallendo la sclera oculare; scolorimento delle feci (scolorimento) e delle urine (oscuramento) sono anche possibili..

I test epatici sono di solito prescritti quando uno o un intero complesso di questi sintomi appare nei pazienti. Inoltre, si raccomanda uno studio simile per i pazienti con diagnosi di patologie epatiche e altri problemi di salute al fine di valutare il livello di sviluppo della malattia e le sue dinamiche.

Come prepararsi per l'analisi

Per gli esami del fegato è necessario sangue venoso. Esistono una serie di requisiti per preparare un paziente all'analisi, la cui non conformità può influire in modo significativo sull'affidabilità dei risultati dello studio:

  • Il sangue deve essere prelevato a stomaco vuoto, l'ultimo pasto deve essere entro e non oltre 8 ore prima del prelievo di sangue.
  • Da 3 a 5 giorni prima di visitare il laboratorio, il paziente deve rifiutarsi di mangiare cibi grassi, alcool, sigarette, bevande contenenti caffeina.
  • Alcuni giorni prima del test, si raccomanda di evitare lo sforzo fisico e le situazioni stressanti. Inoltre, immediatamente 15 minuti prima che il prelievo di sangue dovrebbe riposare per 15 minuti.
  • Per 1-2 settimane prima dei campioni, è necessario interrompere l'assunzione di qualsiasi farmaco. Se ciò non è possibile, è indispensabile informare il medico in riferimento allo studio e il tecnico di laboratorio che preleva il sangue per l'analisi..

Decrittazione dell'analisi, norma

I valori normali di funzionalità epatica hanno i seguenti significati:

  • la quantità di aspartato aminotransferasi (AST) negli uomini non deve superare 40 unità per litro e nelle donne - 30 unità per litro;
  • gli indicatori di alanina aminotransferasi (ALT) non dovrebbero essere più di 45 unità per litro di uomo e fino a 35 unità per litro di donna;
  • gli indicatori quantitativi della fosfatasi alcalina (ALP) dovrebbero normalmente essere nell'intervallo 40-130 UI / l negli uomini e 35-105 UI / l nelle donne;
  • la quantità di gamma-glutamiltransferasi (GGT) può variare da 10 a 65 unità per litro nei maschi e da 6 a 45 unità per litro nelle donne;
  • L'indice di bilirubina non dovrebbe normalmente superare i 25 micromoli al litro per i rappresentanti di qualsiasi genere e proteine, da 65 a 85 grammi al litro.

Eventuali deviazioni da questi indicatori indicano la presenza di un processo patologico nel corpo, la sua natura. A sua volta, qualsiasi patologia dell'organo provoca una serie di cambiamenti correlati degli indicatori di cui sopra: ogni malattia cambia contemporaneamente in diversi parametri. Il medico, determinando la diagnosi, si concentra sulle deviazioni più significative.

Utilizzando l'interpretazione dei risultati dell'analisi biochimica per gli esami del fegato, è possibile stabilire la natura delle patologie epatiche e l'attività funzionale compromessa.

  • ALT (alanina aminotransferasi): le deviazioni degli indicatori quantitativi dalla norma indicano processi patologici acuti nel sistema epatobiliare. Questo enzima tende a deviare dalla norma anche prima dell'inizio dei sintomi clinici..
  • AST (aspartato aminotransferasi): la presenza di anomalie nella quantità di questo enzima nel sangue è un segno diagnostico di malattia epatica e infarto acuto. Per determinare l'organo che soffre di patologia, è consigliabile considerare gli indicatori ALT e AST nel complesso, determinando il rapporto del loro rapporto. Se è ridotto, ciò indica un processo patologico cronico nel fegato o epatite virale; un coefficiente aumentato indica la cirrosi dell'organo o la sua intossicazione da alcol. Inoltre, se le globuline sono normali, allora possiamo parlare di danno miocardico.
  • Fosfatasi alcalina (fosfatasi alcalina): indicatori anormali suggeriscono la presenza di stasi biliare (deflusso biliare alterato può essere causato da tumori maligni nel dotto biliare o ostruzione con elminti o calcolo con colelitiasi) o altre malattie (epatite, cirrosi, necrosi epatica tessuti, ecc.). La diagnosi finale può essere stabilita solo studiando il complesso dei risultati ottenuti durante lo studio, poiché la fosfatasi alcalina è contenuta in altri organi e tessuti.
  • GGT (gamma-glutamiltransferasi): è possibile un aumento della frequenza con processi infiammatori e tumori nel fegato; indicherà anche intossicazione da farmaci o sostanze chimiche. Anomalie nella GGT sono anche una conseguenza dell'abuso di droghe e alcol.
  • La deviazione del livello di bilirubina indica danni alle cellule del fegato: epatociti (mentre ALT e AST aumentano in parallelo) o colestasi (deflusso biliare compromesso) (con LDH elevato e fosfatasi alcalina).
  • Proteine: un indicatore ridotto di proteine ​​totali indica una violazione della funzione sintetica dell'organo in vari processi patologici. Un cambiamento nel rapporto proteico a favore dell'aumento del livello di globuline indica una patologia autoimmune.

Conclusione

Grazie ai risultati degli esami del fegato, la presenza di processi patologici nel fegato e nei dotti biliari può essere rilevata nelle prime fasi. Ma per fare una diagnosi accurata, è consigliabile condurre uno studio completo del corpo (ultrasuoni del tratto digestivo, suono duodenale, ecc.), Che può prescrivere e quindi determinare il regime di trattamento solo da uno specialista qualificato. Non automedicare!

Video utile

Trascrizione di un esame del sangue di campioni di fegato nel video qui sotto.

ALT, AST e altri test per la cirrosi epatica

Bilirubina, GGT, albumina, ALT e AST nella cirrosi sono una sorta di indicatore della malattia. La cirrosi è una diagnosi comune, il cui nome è stato inizialmente suonato ufficialmente nelle opere di R.T. Laenneca nel 1819.

Nel mondo moderno, si trova più spesso negli adulti dai 30 ai 65 anni. Nei paesi della CSI, viene diagnosticato ogni centesimo. Tre quarti dei pazienti sono uomini. La malattia e le sue successive complicazioni causano la morte di circa 40 milioni di persone ogni anno..

La durata e la qualità della vita dei pazienti dipende in modo significativo dallo stadio di rilevazione. La diagnosi si basa su vari metodi: ultrasuoni, biopsia tissutale, esame del sangue per cirrosi epatica. Sulla base dei dati ottenuti, viene prescritta una terapia di mantenimento che consente al paziente di convivere con la malattia per molti anni.

Spesso, nelle prime fasi dello sviluppo della malattia, i sintomi non sono affatto espressi. Per evitare il rilevamento nelle fasi successive, si consiglia di sottoporsi a esami preventivi una volta ogni sei mesi..

Cos'è la cirrosi epatica

La cirrosi è una malattia espressa in cambiamenti strutturali nei tessuti degli organi, che porta nel tempo all'insufficienza epatica e all'aumento della pressione nella vena porta e nei suoi affluenti. La condizione inevitabilmente progredisce ed è cronica. La malattia può verificarsi per vari motivi, tra cui:

  • abuso di alcol, alcolismo cronico;
  • il corso dell'epatite virale;
  • processo autoimmune nel corpo;
  • fattori meccanici (calcoli biliari, restringimento o ostruzione dei dotti);
  • avvelenamento tossico;
  • esposizione prolungata agli elminti e ai loro prodotti metabolici;
  • insufficienza cardiaca.

Di norma, si manifesta come sintomi secondari, a cui il paziente non presta sempre attenzione. Per esempio:

  • prurito della pelle;
  • debolezza e affaticamento;
  • disturbi del sonno, irritabilità, apatia, lieve eccitabilità (encefalopatia epatica);
  • disturbo della digestione;
  • improvvisa perdita di peso;
  • scolorimento delle urine;
  • febbre.

In futuro, il paziente mostra ingiallimento della pelle e della sclera oculare, dolore nella parte destra, espansione della rete vascolare, nausea e vomito.

Il decorso prolungato della malattia è complicato. Possono svilupparsi idropisia addominale, ipertensione portale, atrofia parziale o completa delle funzioni degli organi.

In caso di malattia, lo specialista determina quali test devono essere eseguiti per confermare la diagnosi. Non è possibile curare la malattia. Viene prescritta una terapia di supporto finalizzata al controllo dei sintomi. La prognosi per il paziente è nella maggior parte dei casi sfavorevole.

Quali test (test epatici) vengono dati per la cirrosi

La diagnosi di una malattia comporta la conduzione di vari studi (analisi). Le moderne capacità di laboratorio consentono di ottenere il quadro più completo della malattia, in base ai risultati. In questo caso, vengono presi come base gli indicatori dei principali enzimi che riflettono lo stato dell'organo.

La ricerca e la diagnosi vengono condotte studiando i seguenti emocromi per la cirrosi epatica:

  • studi quantitativi di alanina aminotransferasi (ALT);
  • ricerca quantitativa di aspartato aminotransferasi (AST);
  • uno studio quantitativo della gammaglutamina transpeptidasi (GGTP);
  • test per la cirrosi epatica mediante uno studio quantitativo sulla fosfatasi alcalina (ALP);
  • considerazione delle proteine ​​ematiche totali;
  • studi qualitativi e quantitativi della bilirubina;
  • valutazione del sistema di coagulazione (tempo di protrombina);
  • studio quantitativo di albumina.

La valutazione dei processi sintetici nel corpo, il suo grado di saturazione con le tossine, l'escrezione mediante circolazione sanguigna si basa sull'interpretazione dei dati di ricerca. Un esame del sangue fornisce indicatori precisi in breve tempo, consentendo di iniziare il trattamento per la malattia il più rapidamente possibile.

ALT per la cirrosi

L'alanina aminotransferasi (ALT o ALAT) è un'aminotransferasi sintetizzata negli epatociti. Tipicamente, un enzima entra nel flusso sanguigno in piccole quantità. Quando le cellule del fegato vengono distrutte, l'ALT viene rilasciato e inviato attraverso il flusso sanguigno ai vasi. Una condizione simile può essere causata da:

  • avvelenamento da veleni;
  • insufficienza cardiaca e renale;
  • patologie del pancreas;
  • epatite,
  • cirrosi ecc.

Sulla base della deviazione dell'alanina aminotransferasi dalla norma stabilita (6-37 UI / L), si possono trarre conclusioni sul grado di danno al tessuto degli organi. Spesso durante un corso prolungato, la quantità di ALT nell'analisi aumenta di 10 o più volte (500-3000 UI / l).

Il livello di ALT nel sangue aumenta bruscamente in alcuni casi nelle donne in gravidanza. Ciò è dovuto al decorso della tossicosi e alla mancanza di vitamine del corpo B. Una condizione caratteristica è simile nei primi 3 mesi di gravidanza, in futuro la quantità dell'enzima si stabilizza. Per uno studio più dettagliato, vengono considerati due enzimi contemporaneamente: ALT e AST, il cui numero aumenta significativamente durante l'analisi.

AST per la cirrosi

L'enzima AST è un componente dei tessuti del fegato, nervoso, renale e cardiaco. Un aumento del livello di aspartato aminotransferasi nell'analisi si trova quando:

  • infarto miocardico (mentre ALT è quasi normale);
  • con tumori maligni;
  • effetti traumatici;
  • gravi ustioni;
  • cirrosi.

Un indicatore aumentato segnala fibrosi, avvelenamento tossico. Un forte eccesso nell'analisi (normale negli uomini fino a 41 UI / L, nelle donne fino a 35 UI / L, nei bambini fino a 50 UI / L) si verifica con una singola distruzione di epatociti.

Quando un esame del sangue rileva gli indicatori fuori scala, possiamo parlare della necrosi degli organi (morte del suo tessuto).

GGT con cirrosi

La biochimica per la cirrosi include necessariamente lo studio della GGT (GGTP). La gamma-glutamiltranspeptidasi è sintetizzata negli epatociti e nelle cellule pancreatiche, partecipa attivamente al metabolismo degli aminoacidi.

In una persona sana, i valori normali per gli uomini sono 10-71 unità / L, per le donne - 6-42 unità / L. Un aumento dell'enzima nel sangue si verifica sotto l'influenza di:

  • tossine;
  • veleni;
  • abuso di alcool;
  • Prendere droghe;
  • overdose di droga.

Anche i livelli di GGT nel sangue aumentano con la cirrosi. Se la concentrazione dell'enzima rimane a un livello elevato stabile per lungo tempo, ciò indica una condizione grave dell'organo.

Fosfatasi alcalina nella cirrosi epatica

Vengono eseguiti esami del sangue per lo studio di indicatori di fosfatasi alcalina (fosfatasi alcalina). In un uomo sano, la quantità è di 270 unità / litro, nelle donne - 250 unità / litro. L'ALP è attivamente coinvolta nella formazione del tessuto osseo, quindi, nei bambini in un corpo in crescita, la quantità di sostanza è leggermente superiore. Inoltre, è coinvolto nella costruzione delle mucose del tratto gastrointestinale, dei dotti biliari, della membrana placentare del feto, delle ghiandole mammarie durante l'alimentazione.

L'indicatore aumenta anche con necrosi, malattie autoimmuni dell'organo, epatite virale e danni meccanici. Inoltre, l'attività della fosfatasi alcalina non cambia, a differenza di ALT e AST, poiché la cirrosi non aumenta la sua produzione.

Cos'è la bilirubina per la cirrosi

La bilirubina - uno degli indicatori chiave di un esame del sangue biochimico per la cirrosi, è un componente della bile. L'enzima viene sintetizzato nei tessuti della milza e degli epatociti a causa della rottura dell'emoglobina. La sostanza ha due stati frazionari:

  • diretto (gratuito);
  • indiretto (connesso).

I test per la cirrosi epatica mostreranno un aumento della norma (fino a 4,3 μmol / L) della bilirubina legata a causa di danni agli organi dovuti al processo patologico. Ciò è spiegato dalla distruzione simultanea di un gran numero di epatociti.

Inoltre, si verificherà un legame incompleto delle molecole di enzimi. Una grande quantità di esso nel sangue provoca ingiallimento della pelle e della sclera, prurito della pelle, scolorimento dei movimenti intestinali. La diagnosi include necessariamente test per la bilirubina.

Alti indici di bilirubina indiretta nell'analisi (più di 17 μmol / L) sono osservati con ostruzione dei dotti biliari. Una condizione simile può essere causata dalla cirrosi biliare o verificarsi a causa della fibrosi del tessuto epatico. Gli indicatori della bilirubina con cirrosi epatica nell'insieme di due frazioni non devono superare 20,5 μmol / l.

Indice protrombinico

Con la cirrosi epatica, il medico determina quali test passare al paziente. Lo studio sull'indice di protrombina (PTI) è spesso raccomandato. È un rapporto percentuale tra il periodo di coagulazione del componente plasmatico del sangue e il periodo di coagulazione del materiale di controllo. Normale è considerato un indicatore nell'intervallo dal 94 al 100 percento.

Un aumento dell'indice segnala difetti emorragici congeniti, una carenza di alcune vitamine, formazioni maligne e contraccettivi orali. Un aumento dell'IPT è anche caratteristico dei pazienti con cirrosi. L'analisi non include sempre le trascrizioni di IPT.

Albume

Un esame del sangue per la cirrosi epatica comprende uno studio quantitativo dell'albumina, la cui decodifica consente di comprendere il ritmo della produzione di enzimi. Con una diminuzione dell'indicatore (normalmente da 35 a 50 g / l), vengono rilevate gravi lesioni epatocitarie.

Video utile

Circa i tre test principali utilizzati per diagnosticare la malattia del fegato, ulteriori informazioni sono disponibili nel seguente video:

Test per la cirrosi epatica: analisi biochimiche e cliniche del sangue

La cirrosi tra le malattie non cancerose dell'apparato digerente ha alti tassi di mortalità. Esiste un elenco di metodi conservativi per il trattamento di questa malattia, che può prolungare la vita di molti pazienti e migliorarne la qualità. Pertanto, gli esami del sangue di laboratorio per la cirrosi epatica non sono solo di valore analitico, sono importanti per monitorare le variazioni dei parametri del sangue durante il trattamento non chirurgico e il trapianto di organi.

Cosa imparerò? Il contenuto dell'articolo.

Cos'è la cirrosi epatica?

Dalla cirrosi è consuetudine comprendere il processo cronico nel fegato, che è causato dalla sostituzione di una normale cellula epatica (epatocita) con tessuto connettivo (fibrosi, steatosi). Questa è una patologia polietiologica, le cause sono virus, malattie alcoliche, intossicazione tossica e altri. La malattia è maligna, la struttura lobulare del fegato scompare.

Poiché il fegato svolge molte funzioni, la loro violazione influisce notevolmente sul normale funzionamento del corpo. I test per la cirrosi sono un indicatore di disturbi precoci in un determinato posto nella catena dei processi biochimici nel corpo.

Quali test vengono eseguiti per la cirrosi?

Le seguenti analisi di laboratorio dei fluidi biologici nella cirrosi sono di grande importanza:

  • analisi cliniche generali di sangue e urina;
  • chimica del sangue;
  • coagulogramma (valutazione della coagulabilità del sangue);
  • studi immunologici;
  • marcatori dell'epatite.

Questi studi nel complesso aiutano a diagnosticare problemi al fegato, condurre diagnosi differenziali e monitorare le tattiche di trattamento.

Diagnosi di laboratorio della cirrosi

Per un medico di qualsiasi specialità, gli indicatori di laboratorio sono importanti, quindi i pazienti dovrebbero prenderli sul serio. Il risultato dello studio dipende direttamente dal modo in cui una persona è preparata per questa o quella ricerca. La distorsione degli indicatori porterà a una diagnosi errata e porterà il medico fuori strada e costringerà a cambiare la tattica del trattamento.

Il paziente deve essere consapevole del fatto che tutti i test devono essere eseguiti a stomaco vuoto e la sera è vietato mangiare troppo e persino bere alcolici. Prima di prendere la chimica del sangue, una dieta dovrebbe essere seguita per diversi giorni. E se il laboratorio è al quinto piano - è meglio non correre lì a piedi, ma andare in ascensore - questo può anche influenzare il risultato dello studio..

Esame del sangue clinico

Il metodo è indiretto nella rilevazione della patologia del sistema epatobiliare. I seguenti cambiamenti nella norma di un esame del sangue generale indicano cirrosi epatica:

  • un aumento del numero di leucociti - leucocitosi (più di 9 × 10 9 unità / l);
  • uno spostamento della formula dei leucociti a sinistra - un aumento del peso specifico delle forme di stab (giovani) di neutrofili - più del 6%;
  • aumento della reazione (velocità) della sedimentazione eritrocitaria (ROE o ESR): superiore a 10 mm all'ora per gli uomini e 12 mm all'ora per le donne;
  • una diminuzione del livello dei globuli rossi (inferiore a 3,7 × 10 12 unità / L negli uomini e 3,5 × 10 12 unità / L per le donne) e dell'emoglobina (inferiore a 130 g / L negli uomini e 120 g / L per le donne).

I cambiamenti nella conta dei globuli bianchi, nella conta dei globuli bianchi e nella VES indicano infiammazione e necrosi, pertanto non sono specifici. L'anemia con cirrosi si sviluppa a causa della mancanza di vitamina B12 (cianocobalamina) e acido folico.

Chimica del sangue

La biochimica è leader e specifica per la valutazione della funzionalità epatica. In biochimica, possono essere rilevati tipici cambiamenti nella cirrosi epatica:

IndiceFunzioneValori di riferimentoLivello nella cirrosi epatica
Aspartate Aminotransferase (AST)Responsabile del metabolismo degli aminoacidi.· Donne: fino a 31 unità / l;

Uomini - fino a 47 unità / l

Sta crescendo
Alanina aminotransferasi (ALT)Regola la formazione di glucosio da proteine ​​e grassi· Donne: fino a 35 u / l;

Uomini - fino a 45 unità / l

Sta aumentando
De Ritis RatioIl rapporto tra AST e ALT0,91-1,75Diminuisce e può essere inferiore a 1
Fosfatasi alcalina (fosfatasi alcalina)Un enzima che segnala il ristagno della bileDonne - 35-105 unità / l;

Uomini - 40-130 unità / l

Sta crescendo
· Donne - 6 -42 u / l;

uomini - 10 - 71 unità / l

Sta aumentando
Lattato deidrogenasi (LDH)Partecipa alle reazioni di rilascio di energia di scomposizione del glucosioDonne - 135 - 214 unità / l;

Uomini - 135 - 225 unità / l

È in aumento
AlbumeSupporta la pressione oncotica nei vasi e previene la formazione di edema65-85 g / lSta scemando
La bilirubinaIl prodotto della conversione finale dell'emoglobina, che neutralizza il fegato· Totale - 3,4 - 17,1 μmol / l;

· Diretto - 0 - 7,9 μmol / l;

Indiretto - fino a 19 μmol / l

Tutte le frazioni aumentano

I dati di un esame del sangue biochimico per la cirrosi sono valutati insieme a segni clinici e anamnestici, i risultati di un esame fisico.

Coagulogram

Il fegato è la ghiandola in cui sono sintetizzate le strutture proteiche del corpo. I fattori della coagulazione del sangue sono anche composti proteici in natura. In caso di fallimento della funzione sintetica, la coagulabilità risente, quindi, degli indici del coagulogramma, viene valutata la gravità della cirrosi.

Nel coagulogramma, cambiano i seguenti indicatori:

  • il ridotto fibrinogeno è un enzima altamente sensibile;
  • la crescita del tempo di protrombina (INR) è un indicatore del normale funzionamento del fegato, poiché dipende dalla quantità di vitamina K che è sintetizzata dalla ghiandola;
  • il tempo di trombina si allunga;
  • aumento del tempo di tromboplastina parziale attivata (APTT);
  • diminuzione della proteina C e antitrombina.

Analisi generale delle urine

L'urina può dire molto su come funziona il fegato, anche se alcuni indicatori alterati non sono specifici. Indicatori specifici nelle urine sono:

L'Urobilinogeno si forma nell'intestino dall'azione della microflora dalla bilirubina diretta. Quindi viene assorbito nel sangue, attraverso la vena porta rientra nel fegato, viene nuovamente neutralizzato ed escreto sotto forma di urobilina nelle urine.

Pertanto, l'urobilina nelle urine è consentita e l'urobilinogeno è una patologia. La sua presenza indica un'interruzione della ghiandola: più abbondante è la quantità di urobilinogeno nelle urine, più cirrosi più pronunciata.

L'impatto degli indicatori di analisi sulla previsione

Un cambiamento nei test di laboratorio è il primo segnale sia dell'inizio di un periodo di remissione che della progressione della malattia. Più le fasi della cirrosi epatica vanno avanti, peggiori sono i test, anche in assenza di pronunciati cambiamenti clinici.

Altri metodi per diagnosticare la cirrosi

Sebbene i metodi di laboratorio occupino un posto importante nella diagnosi della cirrosi epatica, ci sono altri studi non meno istruttivi oltre a loro.

  • Raccogliere lamentele, anamnesi e dati fisici sono metodi di routine necessari per suggerire una malattia del fegato.
  • Uno studio per la presenza di anticorpi antimitocondriali - un metodo diagnostico sierologico, è necessario per determinare la causa della cirrosi biliare primaria.
  • L'esame ecografico del fegato, della cistifellea e del tratto biliare è il metodo più facilmente accessibile e di uso frequente. Con il suo aiuto, puoi valutare le dimensioni, la struttura, l'afflusso di sangue dell'organo, nonché la pervietà dei dotti biliari e le condizioni della vescica.
  • Colecistografia: un metodo radiografico ausiliario per l'esame della cistifellea e del tratto biliare.
  • TAC.
  • Risonanza magnetica.
  • Una biopsia da puntura è il principale metodo istologico con cui, da poco tempo, è stato possibile differenziare la cirrosi dall'epatite cronica. Un pezzo del parenchima organo viene prelevato ed esaminato al microscopio..

Complicanze della cirrosi

  1. Sindrome da ipertensione portale - Aumento della pressione della vena porta.
  2. Il sanguinamento dalle vene varicose dell'esofago è una grave complicanza formidabile, che è accompagnata da un'enorme perdita di sangue.
  3. Ascite - accumulo di liquido nella cavità addominale.
  4. Il coma epatico (encefalopatia epatica) si sviluppa a causa dell'accumulo di prodotti metabolici nel sangue.
  5. La coagulazione intravascolare disseminata è un grave disturbo del sistema di coagulazione. Si formano molti coaguli di sangue nei vasi, e quindi si verifica sanguinamento, che è molto difficile da fermare..
  6. Malignità della cirrosi - cancro al fegato.
  7. Peritonite dovuta a infezione.

In conclusione, bisogna sottolineare ancora una volta che i metodi di laboratorio sono importanti nella diagnosi della cirrosi epatica, ma il loro significato deve essere preso in considerazione principalmente in base ai sintomi clinici e ai dati dell'esame fisico..

Un esame del sangue generale mostrerà l'epatite C?

Quali indicatori di sangue e urina saranno alti con l'epatite C?

Quali emocromo indicano la cirrosi?

Esame del sangue per epatite C: marcatori di epatite, PCR, ELISA, test biochimici e clinici

Quali sono i test per l'epatite A e la loro decodifica: ELISA, PCR, esami del sangue clinici e biochimici